WE'RE OPEN 2013 - sabato 9 novembre ore 9,00 - 18,00 - Istituto Tecnico Tecnologico Blaise Pascal - Cesena (FC)
A+ A A-

Cemento

"le mafie non riguardano me"

Da uomo del sud, ho imparato, sin da bambino a conoscere la realtà di cui è permeata la mia terra, a tutti i livelli, e più di quanto si pensi.
Alcuni dei miei compagni di classe delle medie, si sono ritrovati ad intraprendere “carriere”, tentati da guadagni facili, immediati. Alcuni di essi sono finiti piuttosto male, come XY, finito in un pilone.
E' opinione comune, in zone geograficamente lontane da Campania, Sicilia, Puglia e Calabria, che le mafie, in tutte le declinazioni di cupola, sacra corona unita, camorra, ndrangheta, siano fenomeni locali e circoscritti, che non possano riguardare da vicino, ad esempio, la solida e pulita economia romagnola. Nulla è più lontano dalla verità!
Abbiamo un'idea oleografica ottocentesca del mafioso: con la coppola, la lupara.
Oggi le mafie sono vere e proprie holding, inserite nel tessuto sano dell'economia anche settentrionale, per poter meglio riciclare i proventi di attività illecite.
Lo Stato sembra essere distratto, sembra guardare altrove, quando non è, o è stato, come sembrano dimostrare le cronache recenti, connivente.
Come si combatte contro una simile potenza economica?
La risposta è nell'istruzione e nell'educazione fornita dalle scuole.

Relatore: Paolo de Iovanna




Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (we13-cemento.pdf)cementorelatore Paolo de Iovanna3420 kB
La libertà non ha prezzo
joomla-libera-nos-a-malo
Le M.A.M.E. son tutte belle
La telecamera volante
Amo gli algoritmi
La scuola liberata
L'individuo al tempo dei social
Da zero a Python in 45 minuti
Ecologia delle presentazioni in pubblico
Creative Commons, license to fill
Quando l'abito fa il monaco
La stampa 3D salverà il mondo
Cemento
Pablo Picasso sarà lei! Tutti creativi con GIMP